Il Movimento è cresciuto e ha sfondato da solo. Ha sempre combattuto contro tutto e tutti. Oggi per la prima volta coopera e lo fa al governo con la Lega, un’operazione responsabile ma anche politicamente molto pericolosa. Il contratto di governo è un’ottima metodologia, ma affrontando i dettagli è inevitabile che il Movimento abbia dovuto concedere qualcosa alla Lega e viceversa. Concessioni reciproche lecite e trasparenti ma che politicamente paga solo il Movimento e pure salate. Un esempio su tutti è stata la pace fiscale che si è trasformata in una valanga di fango travestita da condono contro il Movimento. Mentre alla Lega che é apertamente favorevole anche ai condoni più schifosi nessuno chiede conto. Il fango ha travolto il Movimento anche quando ha fermato “la manina” e non sulla Lega che l’ha mossa. Il Movimento paga ogni minima zona d’ombra, ogni vera o presunta deviazione dalla sua linea e dai suoi valori, mentre la Lega cresce nei sondaggi anche se per esempio si rimangia la flat tax o accetta il reddito di cittadinanza. Questo succede perché – ieri come oggi – il Movimento è l’unica vera forza innovativa e di cambiamento della politica italiana. Ed ha pure mire rivoluzionarie. La colpa del Movimento non è tanto il suo programma ma il suo fine ultimo che è quello di sostituire le caste coi cittadini, introdurre un nuovo modello di democrazia e una nuova cultura politica. Colpi fatali per qualsiasi regime. E se il Movimento ambisce ad un nuovo paradigma, Salvini no, Salvini garantisce continuità. Per questo i resti del vecchio regime si stanno coagulando tutti dietro a lui. Il loro è un disperato tentativo di sopravvivere. E per questo il Movimento paga triplo ogni minimo grigiore nella sua azione governativa, ogni minimo cedimento vero o presunto. Perché le caste del vecchio regime vogliono dimostrare che il modello a 5 stelle non funziona e che il Movimento è uguale a loro culturalmente e politicamente e che non ci sono alternative alla partitocrazia. Salvini invece alle caste del vecchio regime va benissimo perché è uno di loro, perché è compatibile e funzionale a loro. Piace sia alla fu destra che alla fu sinistra. Alla fu destra come nuovo capo e quindi fautore di poltrone. Alla fu sinistra come nemico ideale e quindi fautore di rimpatriate ideologiche. Salvini è vecchio come loro e lo è da qualunque punto di vista lo si guardi: politico, personale, culturale, ideologico, organizzativo, programmatico, mediatico. Nella Lega di Salvini non c’è assolutamente nulla di nuovo tranne il fatto di essere tornato di moda dopo anni di purgatorio. Salvini è un mix del peggio che va dai cinguettii di Trump fino alle nostalgie di Orban per passare al cabaret mediatico di berlusconiana e renziana memoria. Salvini dovrebbe baciare i piedi dei migranti clandestini per il suo successo politico (e sarà per quello che non li rispedisce a casa tutti col primo aereo come aveva promesso) e deve baciare anche i piedi di Renzi che ha svenduto i porti italiani per gli 80 euro facendoli entrare in massa. Salvini è la vecchia destra in salsa social media ma dietro a quel sorriso bonario e quell’immagine friendly c’è il leader più accentratore visto a destra negli ultimi decenni. Perfino Berlusconi e Bossi avevano attorno dei gerarchi, perfino Renzi aveva attorno un giglio magico, Salvini è completamente solo. Si è creato il vuoto attorno pur di spadroneggiare. Strategia che paga finché splende il sole, ma al primo scivolone si trascinerà tutti a terra. Un film già visto mille volte e che proprio per questo piace alle caste del vecchio regime. Perché in quel vecchio film c’è una parte anche per loro mentre in quello che propone il Movimento 5 Stelle se la scordano. Nei primi mesi di governo il Movimento ha fatto tanto e bene ma il prezzo politico dell’abbraccio con Salvini comincia a farsi sentire. La verità è che il Movimento è solo più che mai. E lo deve restare. Ed ha contro tutto e tutti come sempre. E li deve avere. Salvini è l’ultimo baluardo del vecchio regime, l’ultima sua metamorfosi. E come tale deve essere trattato.

Tommaso Merlo

http://www.tommasomerlo.com

07_09_18Migranti_Salvini_legge_lettera_Procura_Palermo_in_diretta_Facebook_mentre_beve_la_Fanta_web

Annunci