Persa la faccia, agli etruschi non resta che la lingua. Biforcuta. La usano per gridare sempre la stessa cosa ai gialloverdi. Siete come noi. O meglio: siete bugiardi e disonesti come noi, siete servi delle lobby come noi, tradite gli elettori come noi, siete dei cialtroni che danneggiano l’Italia come noi. Un’ammissione di colpa totale sulle ragioni del proprio disastro politico. Anche se del tutto involontaria. A sentir gli etruschi, infatti, sono state le fake news il motivo della loro rovina politica e quindi implicitamente quei fessi di cittadini che se le sono bevute. Poi però appena gli etruschi aprono bocca si danno dei disonesti e dei cialtroni al servizio delle lobby da soli. Tutta colpa della spirale rosicona in cui sono precipitati. Rosicare fa perdere lucidità, fa sbracare ad cazzum. In questi giorni gli etruschi sono tornati alla carica al grido di “siete come noi” per le vicende delle trivelle e della banca CARIGE. E cioè a sentir loro i gialloverdi avrebbero tramato di nascosto coi petrolieri e coi banchieri per salvare gli interessi di quelle lobby. Proprio come fecero loro e il loro fupidì. Le solite balle ma anche una insensatezza politica sconcertante. Il Movimento è contro le trivelle da sempre e la battaglia per fermarle è appena iniziata. Di Maio si é ritrovato i soliti strascichi etruschi da onorare ma il governo  sta per varare un piano energetico innovativo. Perché mai Di Maio dovrebbe mandare all’aria il Movimento e accontentare chissà quale petroliere che tra l’altro lui e i 5 stelle hanno sempre schifato? Non avrebbe senso. Lo stesso vale per la vicenda CARIGE. Movimento e Lega sono da sempre schierati coi truffati delle banche al punto che in Manovra hanno previsto risarcimenti e tassato i potentati. Né Di Maio né Salvini (e nemmeno Conte) hanno poi famigliari in CARIGE e conflitti d’interesse. Perché mai allora Di Maio e Salvini dovrebbero bruciarsi e schierarsi di nascosto coi padroni di CARIGE a scapito di risparmiatori e contribuenti come hanno fatto gli etruschi in passato? E più in generale. Perché mai  Di Maio e Salvini dovrebbero rovinare la propria reputazione e mandare in malora addirittura il governo del cambiamento e la speranza di milioni di cittadini che lo sostengono? Sarebbe del tutto assurdo. Sarebbe un suicidio politico senza nessun senso. E va bene tutto. Va bene che per gli etruschi la propaganda è cieca e l’onestà intellettuale un optional superfluo. Va bene che per gli etruschi “cittadini” fa rima con cretini. Va bene che trovare una logica nei rosiconi non è mai un’impresa facile. Va bene che la credibilità non è più un problema che li riguarda. Ma siamo in democrazia e gli etruschi sono l’opposizione parlamentare. Non possono limitarsi a starnazzare “siete come noi” ad cazzum. Anche perché non è vero. Nemmeno in questo. Il cambiamento gialloverde ha molto senso. Gli etruschi non ne hanno più nessuno.

Tommaso Merlo

http://www.tommasomerlo.com

90-leopolda7-matteo-renzi-maria-elena-boschi

Annunci