Tutti danno per scontato che se si torna al voto vince Salvini. Ma non è affatto così. Se cade questo governo, cambia completamente lo scenario politico e nulla è scontato. In vista delle politiche, tornerebbero ad esempio in gioco milioni di cittadini che oggi sono ai margini. E non è detto che questi cittadini vogliano finire nelle sgrinfie dell’ennesimo pifferaio magico. Specialmente perché si tratta di un pifferaio molto più estremista e ruvido dei suoi più recenti predecessori e cioè Berlusconi e Renzi. Salvini si spaccia come “uomo nuovo”, ma fa politica da una vita e gli italiani si ricordano quando girava in camicia verde. Salvini recita la parte dell’uomo “comune” per convincere le nonne e le zie, ma in Europa è alleato con movimenti di ultradestra e perfino negazionisti coerentemente col suo vero volto. Salvini recita la parte del bonaccione della porta accanto, ma è un milionario che intasca soldi pubblici dal 1993 e che nel corso della sua infinita carriera politica ha dimostrato più volte la sua inquietante natura. Salvini deve il suo boom all’isteria di massa sui migranti e ad un quadro politico tutto favorevole. Da una parte l’esaurimento del suo principale concorrente e cioè Forza Italia e dall’altro il fatto che l’unica forza che potrebbe batterlo – e cioè il Movimento – ha scelto responsabilmente di governare con lui ed ha finito per dissanguarsi. Oggi Salvini ha come opposizione solo il Pd e i Comunisti col Rolex. E cioè nessuno. Ma se il Movimento tornasse indipendente e se tornasse a proporre il suo modello di democrazia e di sviluppo che era ed è opposto a quello della Lega, tornerebbe il punto di riferimento per milioni di cittadini che chiedono un cambiamento dal basso sensibile ed intelligente. Se il Movimento tornasse se stesso, potrebbe coalizzare un enorme fronte anti Salvini che era ed è maggioranza nella società italiana. Un fronte che stravolgerebbe lo scenario politico ed i sondaggi di oggi diventerebbero cartastraccia. Questo perché se cadesse il governo, succederebbero anche altre cose. Per esempio, il Pd potrebbe implodere coi renziani che sfanculano Zingaretti e si mettono in proprio. Potrebbero poi nascere nuovi partiti per intercettare i cosiddetti moderati orfani del forzapiddì. Le solite lavatrici per riciclati che farebbero però il gioco del Movimento e di un suo ritorno come unica alternativa ai travestimenti del vecchio regime. Salvini incluso. È vero, il pifferaio oggi riempie le piazze e il Movimento è in crisi. Ma oggi i consensi vanno e vengono alla velocità di un click. E sono molto di più i cittadini che stanno a casa e che dopo decenni di disastri non hanno nessuna intenzione di seguire l’ennesimo pifferaio magico.

Tommaso Merlo

http://www.tommasomerlo.com

salvini-e1559288395564

Annunci